Messaggio
  • Informativa cookie

    Questo sito usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Ora sono bloccati, se riscontri problemi nell'uso del sito potrebbe essere dovuto a questo blocco. Clicca su OK per risolvere i problemi.

    Visualizza documentazione e-privacy Europa

    Hai scelto di mantenere bloccati i cookies se riscontri problemi nell'uso del sito potrebbe essere dovuto a questo blocco. Puoi sbloccarli quando vuoi:

Pesaro

(2 Voti)

La strada che da Mondaino conduce a Pesaro è di rara bellezza, poichè attraversa la campagna costellata di ulivi sul crinale tra Romagna e Marche, passando per Montegridolfo.

Da qui si può ammirare, sul versante romagnolo, la vista di Saludecio, Montefiore Conca, i tre picchi di San Marino, la più antica repubblica del mondo ancora esistente. Verso le Marche, il castello di Gradara si staglia bellissimo all'orizzonte, e si intravvede il grande porto di Pesaro che si apre sulla costa.

Nei dintorni di Pesaro sono da segnalare diverse ville che vale la pena visitare. Villa Caprile, residenza estiva del Conte bergamasco Giovanni Mosca, venne costruita a partire dal 1640, e ospitò avrei personalità dell'epoca, tra cui Casanova, Leopardi, Rossini e Stendhal. Intorno alla villa i preziosi giardini all'italiana, con giochi d'acqua ingegnosi e piante esotiche, si dispongono su tre terrazzi collegati da scalinate; degno di nota il teatrino di verzura, contenuto in un’arena di cipressi e realizzato completamente da vegetazione, compreso il “palcoscenico” e i gradoni. Per quanto attiene all’impianto architettonico, la struttura seicentesca si presenta con un’armonica facciata, che fa da fondale scenico ai preziosi giardini, ricchi di piante esotiche e di scherzi. L’impianto è stato modificato nel ‘700 da una ristrutturazione che ha arricchito l’assetto con la torretta centrale. All’interno, degni di nota sono lo scalone d’onore e un salone ornato con stucchi in cui si trova rappresentata la vita di San Paolo. Villa Imperiale, una delle più belle residenze rinascimentali, situata a mezza costa del Monte San Bartolo, è stata costruita in due fasi successive: la più antica, risalente alla seconda metà del ‘400, fu commissionata da Alessandro Sforza, su progetto del Laurana o di Giorgio di Matteo da Sebenico. La prima pietra fu posta dall’Imperatore Federico III. Da ciò sarebbe derivata la denominazione di Imperiale. Fu poi ampliata per ordine di Francesco Maria I Della Rovere su progetto dell'architetto Girolamo Genga, per farne un luogo ideale di vita cortese, dove svolgere le funzioni tipiche della corte rinascimentale. La villa si stende lungo quattro livelli terrazzati in armonia con il naturale declivio del colle ed è contenuta da una cinta muraria. I livelli superiori sono occupati prevalentemente dai giardini. La loro struttura conserva la memoria del giardino rinascimentale ricco di essenze come l’alloro, il mirto, il rosmarino, insieme a bossi, viti, cedri, limoni e aranci. I due livelli inferiori invece costituiscono il corpo abitabile, che negli anni fu frequentato da molti letterati ed artisti tra cui Tiziano e Pietro Aretino, Torquato Tasso, Baldassarre Castiglione e Pietro Bembo che in un suo scritto descrive la villa come "condotta con la vera scienza dell’arte, e con i modi antichi e invenzioni belle e leggiadre che a me paia aver veduta fatta modernamente.

Visite tutti i mercoledì da giugno a settembre. Costo del tour 12,00€, con partenza alle 16.00, presso il Piazzale della Libertà (Sfera Grande di Pomodoro).

Prenotazione obbligatoria presso lo IAT (0721 69341) oppure chiamando al 338 2629372 (Coop. Isairon).

Pesaro è una elegante cittadina che si affaccia sul mare, attraversata dal fiume Foglia, situata tra due colline costiere: il San Bartolo e l'Ardizio.

Il centro storico, ricco di monumenti e palazzi rinascimentali, si percorre agevolmente a piedi - molte aree sono pedonali - , e in bicicletta - le piste ciclabili sono numerose e coprono vaste aree della città. La musica è protagonista, anche grazie ai natali di Gioacchino Rossini, a cui è titolato il teatro più importante della città, luogo in cui si svolge ogni anno il festival musicale lirico Rossini Opera Festival. Da qui inizia Via Branca, il lungo corso pedonale che termina su Piazzale della Libertà, grande piazza affacciata al mare al centro della quale si può ammirare Sfera Grande, la scultura bronzea di Arnaldo Pomodoro che i pesaresi chiamano affettuosamente Palla di Pomodoro. Sulla piazza si affaccia il Villino Ruggeri, esempio splendido di stile Liberty in Italia.

La caratteristica principale del villino è la ricchissima presenza nei quattro paramenti esterni di decorazioni ispirate al mondo marino ed al mondo vegetale. La posizione davanti al mare lo valorizza al punto che tanti visitatori si fermano per ammirarlo.

Da segnalare, tra i tanti edifici religiosi e civili presenti in Pesaro, la Rocca Costanza, imponente architettura militare quattrocentesca, su progetto probabilmente dell'architetto Luciano Laurana. Carcere fino al 1989, ora è sede estiva di eventi culturali anche legati al Rossini Opera Festival.

socialshare

share on facebook share on linkedin share on pinterest share on youtube share on twitter share on tumblr share on soceity6